• Tuesday 27 February 2018
    DADOONE DADO
    2 - 4
    TEAM AS TURBO TAST
    Champions League 20:00
  • Home
  • News
  • Pavesi
  • 27 February 2018
  • DADOONE vs TEAM AS TURBO
  • Home
  • 02/27/2018
  • DADO vs TAST

DADOONE vs TEAM AS TURBO

6 gol, VAR, nervi tesi a fine gara e due espulsioni: il big match che può valere il primo posto non delude le aspettative. Il tabellone vede imporsi Team AS Turbo su Dadoone, in una sfida che vale sicuramente più di tre punti.

PAGELLE

DADOONE
Marc Mouhadab 6.5: con qualche apprensione, salva comunque più volte la situazione. Nel primo tempo grande intervento a tu per tu con Bueno.
Rafael Deil 7: chiamato a sostituire Miku, uno dei top player della Ghetton, non demerita assolutamente. Fa valere il fisico e ingaggia un duello bellissimo con Moscato nel secondo tempo. Difesa impeccabile, se perde un attimo l’uomo sono guai, soprattutto perché poco aiutato, ma se la difesa regge l’urto di un attacco devastante è in gran parte merito suo. Rivedibile l’uscita in barriera sul quarto gol.
Manuel Liuim 7: altro esordiente, timbra il cartellino due volte. Aumenta il tasso tecnico della squadra e regala un gol splendido da vedere e rivedere, oltre a servire ottimi palloni ai compagni. Qualità.
David Mouhadab 5: all’inizio si mette in mostra con delle ottime giocate. Poi si spegne, e si riaccende solo a intermittenza. Si mangia un gol clamoroso solo in area di rigore e poco dopo spreca un ottimo contropiede. Può sicuramente fare molto meglio.
Samuel Mouhadab 6,5: alcune giocate buone, altre meno buone. Come tutta la squadra troppo molle quando bisogna pungere e fa una grande fatica a tenere le frecce di Team AS Turbo. Si contano comunque almeno due assist importanti non sfruttati e un palo. Nel complesso apporto positivo.
Alberto Hallac 5,5: solita partita di corsa e qualità in mezzo al campo, da premiare l’impegno. Però nel finale spara altissimi due tiri non impossibili che potevano riaprire la partita.
Dadoone 5,5: passo indietro. È vero, mancano più elementi importanti della squadra e la batteria si scarica più velocemente del solito. La partita però è sempre stata in mano agli avversari; stasera non riescono a far leva sui loro punti di forza come al solito, e soffrono terribilmente l’atletismo di Team AS Turbo. Lezione importante che forse andava ripassata prima della partita: i big match si vincono con il coltello fra i denti.

TEAM AS TURBO
Jordan Sasson 5,5: qualche parata sì, ma molto insicuro in un paio di occasioni. Nel secondo tempo fa mezzo metro di troppo in uscita bassa e si toglie i guantoni in anticipo riaprendo la partita, anche se restano dubbi sull’espulsione.
Joshua Aghajanoff 8: praticamente su punizione è più alta la probabilità che la palla entri in porta. Assurdo. Difende, crea, spacca la difesa avversaria e toglie le ragnatele dal sette. Quando ha insegnato abbastanza calcio per una sera si mette tra i pali e si toglie il lusso di parare di tacco e sfiorare il poker con la maglia del portiere. Gol annullato (giustamente) per colpa del VAR, ma l’eleganza e l’esagerata superiorità tecnica vengono confermate da questa vittoria importante. Totale.
Elo Aghajanoff 7,5: apre le danze e non si ferma più. Tanta corsa e qualità, suggerimenti continui per i compagni ed è una spina nel fianco per la difesa avversaria. Sbaglia un gol non da lui, poi abbassa la posizione e sfrutta la sua velocità sulle sponde di Moscato. Espulso nel post partita, salterà probabilmente la prossima, anche se l’allenatore Joe Chalon vuole fare ricorso.
Daniel Bueno 6: sbaglia due gol, timido per il resta della partita, si limita al compitino senza osare mai troppo. Concorso di colpa con Elo sul secondo gol subito. Importanti comunque un paio di giocate nel finale per creare superiorità e far respirare la squadra in un momento di difficoltà. Senza il freno a mano tirato può essere devastante, ha bisogno di più fiducia nei suoi mezzi. Rimandato.
Beniamino Foà 5,5: attacca bene e con grande aggressività nel corto. Quando perde mezzo metro però perde spesso e volentieri il giocatore e fa fatica a contenere gli esterni. E a parte una bella azione personale nel finale, crea poco anche offensivamente. Non la sua partita migliore.
Asher Moscato 7,5: lavoro sporco attorno cui gira tutta la squadra, indescrivibile la sua importanza. In una partita in cui i fratelli Aghajanoff dispensano qualità, i suoi movimenti continui, le sponde, il super lavoro spalle alla porta ad allungare le squadre per creare spazi in cui i compagni si fiondano, sono quelli che hanno fatto vincere la partita. Da attaccante non trova il gol, ma poco importa. Gran partita.
Team AS Turbo 7: si confermano la squadra da battere di questa Champions. Altre squadre hanno qualità. Altre squadre sanno difendere. Loro sono gli unici a saper stare in campo con tattiche e strategie ben pensate. Ad esempio oggi hanno sfruttato la superiorità atletica e la grande qualità dei loro attaccanti nel tenere palla spalle alla porta: difesa ad attirare l’attacco quasi nella propria area, mentre Moscato nell’area opposta isolato aspetta il passaggio che arriva sempre. E a quel punto è sempre superiorità numerica. Dimostrano di meritare la vetta in uno scontro diretto fondamentale. Occhio alla squalifica per la prossima giornata.

Timeline

Line-Ups

Newsletter
Sign up to receive monthly news about the latest developments in your league!